Qui si parla di sport, a modo nostro.

Qui si parla di storie, ché quello che ci interessa è la storia dietro un evento, una sfida, una partita, un match, una persona.

Qui si parla di persone, di vincenti e di perdenti. Soprattutto di perdenti, perché qualcuno deve pur tener fermi i cavalli.

Qui si parla di storie conosciute e di storie dimenticate. Di eroi consapevoli e di eroi per caso, di vincenti e di perdenti loro malgrado. Di quello che poteva essere e non è stato, di quello che è stato e di quello che forse sarà.

Qui si vive in un mondo immaginario, dove l’Ungheria del 1954 e l’Olanda del 1974 vincono il mondiale, dove i cestisti jugoslavi giocano la loro ultima olimpiade assieme e battono il Dream Team nel 1992. E dove il cuore permette a Julian Ross di battere Holly e Benji, per una volta.

Qui ci importa poco del tutto e subito, della dittatura dell’attualità.

Qui la Storia viene scritta anche dagli sconfitti, non solo dai vincenti.

Qui proviamo a fare qualcosa di diverso, sperando di andare in direzione ostinata e contraria, provando a scrivere di sport in un modo che ci piacerebbe leggere molto più spesso.

Proviamoci, raccontando storie. Perché ci sono storie che meritano di essere raccontate.

 

Socialmente

Segui @JulianRossMag
Tweets by @JulianRossMag

Cose che ci piacciono

Jot Down - Deportes Panenka IBWM Quality Sport The Run of Play Fútbologia Perarnau Magazine Someone still loves you, Bruno Pizzul


Sport Vintage La Libreta De Van Gaal Letteratura Sportiva Federico Buffa Flavio Tranquillo Rivista Studio - Sport Grantland

Contatti etc.

Facebook Twitter Feed RSS

Scrivono e collaborano

Piksi George Best Sandro Omodeo DeLpIeRiNa84